La città di Perugia

 LA CITTÀ DI PERUGIA

Perugia è una città di 450 km quadrati, con una popolazione di 166.000 persone. Il suo primo insediamento risale al X-XI secolo a.C., è stata fondata dagli Etruschi, e tutta la zona di Perugia, compresi i dintorni (un’ampia periferia), è ricca di storia e di cultura. Ottima per vivere, dista pochi chilometri da Assisi (sede di uno dei Convitti della Paolo Rossi Academy). Roma e Firenze sono comodamente raggiungibili, in auto, in treno e in autobus. Essendo una città universitaria, è giovane, multietnica, ricettiva, gioiosa, piena di locali, di avvenimenti musicali, artistici e di intrattenimento. È molto verde, è piena di monumenti, meta turistica e sede universitaria.

SHOPPING Perugia ha molti negozi, supermercati per ogni etnia e centri commerciali, dove è possibile acquistare tutto ciò che serve (alimentari, abbigliamento, hobby, libri, confort). È dotata di Minimetrò, opera importante di trasporto pubblico che consente spostamenti veloci, comodi ed economici dal centro della città alla periferia e viceversa.

SE SEI A PERUGIA NON PUOI NON VEDERE…

La Fontana Maggiore – Al centro di Piazza IV Novembre, tra la maestosa Cattedrale di San Lorenzo e il simbolico Palazzo dei Priori,  sorge la splendida Fontana Maggiore, celebre in Italia e simbolo della Perugia medievale e moderna. È stata costruita tra il 1275 e il 1278, su disegno e poi realizzazione degli scultori Nicola e Giovanni Pisano (rispettivamente padre e figlio), per ricevere le acque provenienti dall’Acquedotto del Monte Pacciano (situato a pochi chilometri) e portare acqua agli abitanti di Perugia. I due prestigiosi artisti vollero la Fontana, in stile gotico, su una gradinata circolare, costituita da due vasche di pietra rosa e bianca, sormontate da una conca di bronzo. La sua decorazione è incentrata in 50 bassorilievi e 24 statue con le quali i Pisano ornarono le due vasche poligonali concentriche. Nella vasca inferiore sono rappresentati i mesi dell’anno con i segni zodiacali e le scene della tradizione agraria e della cultura feudale.

La Cattedrale di San Lorenzo – Principale edificio religioso della città, i suoi lavori iniziarono nel 1345 e si conclusero nel 1490. Sia la fiancata laterale che la facciata principale, però, sono rimaste incomplete.

La Galleria Nazionale dell’Umbria – Percorrendo il corso principale della Perugia medioevale, Corso Vannucci, agli ultimi piani del Palazzo dei Priori ha sede, dal 1878, la Galleria Nazionale dell’Umbria, dove è possibile ammirare uno dei patrimoni artistici più completi e ricchi della regione ma anche della storia dell’arte italiana.

Rocca Paolina – Decantata in una celebre poesia del poeta italiano Giosuè Carducci, la Rocca Paolina è un’antica fortezza voluta da Papa Paolo III e realizzata tra il 1540 e il 1543 dall’architetto Antonio da Sangallo il Giovane. L’intento del Papa, in cui era ancora vivo il ricordo del Sacco di Roma, era quello di rendere la città sicura e di creare, così, un rifugio efficiente come lo era stato Castel Sant’Angelo. La sua costruzione rese necessaria la distruzione di più di cento case ma anche di monasteri e chiese, soprattutto di proprietà della famiglia Baglioni, odiatissima dal Papa stesso. In parte distrutta nel 1848, venne ricostruita nel 1860 da Papa Pio IX e in parte abbattuta nei decenni successivi all’annessione al Regno d’Italia per la costruzione di molti edifici e sistemazioni ottocentesche (giardini Carducci, piazza Italia, via Masi…).

L’Oratorio di San Bernardino – L’Oratorio fu voluto dai frati Francescani in onore di San Bernardino da Siena, la cui predicazione aveva infiammato i perugini in diverse occasioni. La splendida facciata policroma è opera dell’artista Agostino di Duccio che, utilizzando materiali differenti, riuscì a creare una vera e propria sinfonia di colori che esplode in un affascinante gioco di riflessi.

Il Pozzo Etrusco – Appartenuto alla famiglia Corbello, il Pozzo Etrusco si trova nel cuore di Perugia ed è una grande opera idraulica che testimonia le conoscenze tecniche e il grado di civiltà raggiunto dagli abitanti di Perugia già 300 anni prima di Cristo.

La Casa del Cioccolato della Perugina – Non molti associano i famosi Baci Perugina a Perugia, da cui invece prendono il nome e dove vengono prodotti. Originariamente conosciuti con il nome di “cazzotti”, sono diventati un’icona nel mondo.

Ipogeo dei Volumni – Appena fuori dal centro storico di Perugia, in zona Ponte San Giovanni, c’è uno straordinario luogo di epoca etrusca: l’ipogeo dei Volumni, il più antico e conservato monumento funerario di epoca etrusca. Da non perdere.

 

L’ UNIVERSITÀ

Università Italiana per stranieri

L’Università per Stranieri di Perugia è la più antica e prestigiosa istituzione italiana impegnata nell’attività di insegnamento, ricerca e diffusione della lingua e della civiltà d’Italia, in tutte le loro espressioni e forme (come l’arte e la cultura). Anche nella comunicazione internazionale e pubblicitaria. Nata nel 1921 su intuito dell’avvocato perugino Astorre Lupattelli, dal 1927 ha sede nel prestigioso Palazzo Gallenga Stuart: dono alla città del conte Romeo Gallenga Stuart, situato nel cuore storico di Perugia. Alla sede principale si affiancano le quattro palazzine: Prosciutti, Lupattelli, Orvieto e Valitutti che, posizionate in uno splendido parco nel cuore della città e raggiungibili a piedi da Palazzo Gallenga, si trovano al centro di un complesso edilizio che arricchisce le strutture destinate alla didattica e alla ricerca, oltre alla prestigiosa Villa La Colombella, storica dimora patrizia immersa nel verde delle colline intorno a Perugia, che completa il pregevole patrimonio di cui si dota l’istituzione e l’istruzione perugina. È prevalentemente orientata agli stranieri, ma fra gli studenti si annoverano anche molti italiani.

Attivi anche una serie di lettorati in lingua straniera, tra cui lettorato di inglese, il lettorato di spagnolo, il lettorato di giapponese e quello di cinese. Tutti ottimi.

La Facoltà si occupa, infine, della formazione e dell’aggiornamento dei docenti che insegnano l’italiano come lingua straniera. Organizza corsi di alta cultura e specializzazione. Rilascia titoli di laurea, laurea magistrale e master a studenti italiani e stranieri.

Oggi l’Università per Stranieri di Perugia è divenuta un laboratorio internazionale di discussione, di dibattito, di confronto, di scambio. Ambiente di interscambio culturale tra studenti provenienti da ogni parte del mondo che, immersi in una prestigiosa città italiana, imparano più facilmente la lingua.

È qui che studiano e si formano i ragazzi maggiorenni della Paolo Rossi Academy.

UNIVERSITÀ ITALIANA Perugia è anche sede di uno degli Atenei italiani più antichi e autorevoli nel panorama nazionale: una tra le prime libere Università sorte in Italia, eretta a Studium Generale l’8 settembre 1308, come attesta la Bolla papale “Super Specula” di Clemente V. Tra le due università c’è collaborazione attenta e proficua.

MANGIARE A PERUGIA

PANE E TORTA AL TESTO Il pane caratteristico della città di Perugia (come nel resto della regione Umbria) è simile al pane toscano e marchigiano, ovvero senza sale: la tradizione viene fatta risalire alla cosiddetta “guerra del sale”, una ribellione dei perugini alla tassa imposta da Paolo III, nel 1531, per l’uso del sale. Con fette di pane scaldate, strofinate con uno spicchio d’aglio, e condite con sale e olio extravergine d’oliva (abbondante e DOC nella zona) si prepara la tipica “bruschetta”. Una focaccia caratteristica del territorio, a Perugia e nel resto della provincia, è la “torta al testo”. Da riempire con prosciutto locale, salsicce e verdura cotta.

PRIMI PIATTI Fra i primi degni di nota ci sono gli gnocchi di patate al sugo d’oca, le tagliatelle al ragù con rigaglie di pollo e i cappelletti in brodo.  Per quanto riguarda i secondi, tipicamente perugini sono il piccione arrosto ripieno e in carrozza, la porchetta di maiale, e gli arrosti misti alla brace. L’erba, ovvero diverse verdure campestri selvatiche lessate e ripassate in padella con olio e aglio, rappresenta il contorno più tradizionale.

DOLCI I dolci tipici sono il Torcolo di San Costanzo, caratteristico per i festeggiamenti del Patrono di Perugia (ricorrenza il 29 gennaio), a forma di ciambella con pinoli, semi di anice, uvetta e canditi, e la Ciaramicola, un torcolo con mollica rosata e crosta meringata bianca, dolce tipicamente pasquale. Biscotto tipico per il periodo della Commemorazione dei Defunti (2 novembre), sono le fave dei morti, a base di pasta di mandorle. Frappe e strufoli sono i dolci tipici del carnevale.

GLI EVENTI DA NON PERDERE

Umbria Jazz

  • Umbria Jazz: è la più importante rassegna di Jazz in Italia e una delle più importanti al mondo, il festival cade nel mese di luglio dal 1973. Da non perdere.
  • Eurochocolate: la kermesse europea del cioccolato, si svolge in ottobre dal 1993.
  • Marcia per la pace Perugia-Assisi, con cadenza biennale, si svolge solitamente in ottobre dal 1961.
  • Festival internazionale del giornalismo, si svolge ogni anno in aprile, dal 2008.
  • Fiera dei Morti: una grande fiera popolare che si tiene la prima settimana di novembre sin dal Medioevo. Si svolge nella vasta area del parcheggio di Pian di Massiano (zona stadio di Perugia, Renato Curi).
  • Bagliori d’autore, rassegna letteraria iniziata nel 2005, si svolge per circa una settimana a febbraio/marzo, con un’edizione parallela a Milano ed eventi a Roma, Terni, Assisi, Macerata.

CURIOSANDO

  • Nel 2017 diventa la prima città italiana ad essere cablata interamente con la fibra ottica.
  • Gli animali-simbolo di Perugia sono il Grifo ed il Leone.
  • Lo stemma della Città è costituito a uno scudo rosso coronato turrito a cui è sovrapposto un grifone rampante argenteo e coronato d’oro.
  • È gemellata con Bratislava dal 1962, Aix-en-Provence dal 1979, Tubinga dal 1984, Potsdam dal 1990, Grand Rapids dal 1993 e Seattle dal 1993

INDIRIZZI E NUMERI UTILI

È disponibile una card per visitare Perugia vedi link
Comune Corso Vannucci N. 19 tel. 075 5771 apri link  
Ufficio Turismo Piazza Matteotti, 18 – Tel. 075 5736458-075 5772686 apri link 
Stazione Perugia Fontivegge si trova in Piazza Vittorio Veneto 075 57540 ed è in connessione con l’omonima fermata del Minimetrò.
Possiamo usare la Minimetrò per spostarsi con un trasporto pubblico alternativo. Tel. 075/5058753 apri link
l’Aeroporto di Perugia è il San Francesco d’Assisi e dista circa 12 km ad est della città. apri link
taxi Via S. Tommaso d’Aquino, 17, 06124 Perugia Tel.  075 5004888
I Bus sono serviti da Umbria TPL e Mobilità SPA – STRADA SANTA LUCIA 4, 06125 PERUGIA telefono 075 9637637 – 0744 402900. vedi link  
Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia Piazza Menghini, 1, 06129 Perugia Telefono: 075 5781 vedi link  
Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura  Via Cacciatori delle Alpi, 42, 06121 Perugia Telefono: 075 57481 vedi link  
Centri commerciali

Collestrada Via della Valtiera, 181 vedi link 

Quasar Village Via Aldo Capitini 8 Corciano (PG) 075 5172071. vedi link 

Città della Domenica  è un parco immerso nel verde dove gli animali scorrazzano felici e liberi. Ottimo per trascorrere giornate rilassanti in mezzo alla natura . 075.5054941 –  Via Col di Tenda, 140. vedi link
Ristoranti su Perugia vedi link
Soggiornare a Perugia vedi link